Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Homepage > sostenibilita > la nostra politica del credito responsabile

Skip Navigation Linksla-nostra-politica-del-credito-responsabile

Sostenibilità
È parte integrante della nostra cultura d’impresa, rappresenta un investimento per il presente e il futuro e contribuisce a promuovere l’etica aziendale. Puntiamo alla creazione di valore sostenibile per tutti i portatori di interesse e a un modo di essere e di fare banca distintivo nelle nostre azioni e relazioni. In linea con i valori di Creval ci impegniamo a rispettare la mission, perseguire i principi dello sviluppo sostenibile, valorizzare i nostri talenti, salvaguardare l’ambiente e supportare le comunità in cui siamo presenti.​
LA NOSTRA POLITICA DEL CREDITO RESPONSABILE

​Creval nell’ambito delle Politiche del Credito tiene conto di criteri specifici che distinguono i settori controversi con potenziali impatti sociali, ambientali e comportamentali negativi rispetto a quelli virtuosi. In questa seconda categoria rientrano le industrie impegnate nel contenimento degli impatti ambientali e che privilegiano il ricorso ad energie rinnovabili. 

Settore nucleare
Dopo aver valutato attentamente l’importanza e la delicatezza dei temi connessi all’energia nucleare - la sua gestione responsabile, la garanzia della tutela ambientale della salute e della sicurezza dell’uomo, la gravità di eventuali esternalità socio-ambientali, la rischiosità reputazionale e di credito e l’ottemperanza alla legislazione nazionale e sovranazionale al riguardo - abbiamo deciso di dotarci di una politica attenta al ciclo del combustibile nucleare prevedendo segmenti specifici non oggetto di finanziamenti (o da valutare caso per caso per i siti di stoccaggio e per il trasporto di residui nucleari radioattivi) con particolare riferimento all’utilizzo controverso nella creazione di armi di distruzione di massa (ad esempio bombe e missili) altamente lesive per i diritti dell’uomo.

Settore armamenti
In coerenza con l’impegno per la sostenibilità e la tutela dei diritti umani ed ambientali abbiamo deciso di non intrattenere rapporti commerciali con aziende che producono, curano la manutenzione o commerciano armi controverse o non convenzionali - nucleari, biologiche e chimiche di distruzione di massa, incendiarie e laser, bombe a grappolo e a frammentazione, mine terrestri e uranio arricchito ed impoverito. Contestualmente riconosciamo l’importanza dell’utilizzo di armi a scopo di difesa e nelle operazioni di pace. A tal proposito accettiamo richieste di finanziamento esclusivamente da parte di governi, organizzazioni governative, società statali e organismi internazionali di Paesi membri dello Spazio Economico Europeo, dell’Associazione europea di libero scambio, USA e Canada impegnati in attività che rientrano negli ambiti sopra citati. I finanziamenti per le armi da caccia e per finalità sportive sono al momento consentiti nell’Unione europea.

Industria del tabacco
La lotta al tabagismo, coerentemente con le finalità della Convenzione Quadro per il Controllo del Tabacco dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), richiede un maggiore impegno da parte di molteplici settori per realizzare un’azione più incisiva e coordinata. Noi di Creval, riconoscendo il nostro ruolo di attore economico e sociale, ci impegniamo a non intrattenere relazioni commerciali - intese come attività di finanziamento e di investimento - con aziende produttrici di tabacco sia in aderenza all’obiettivo di tutela dei diritti umani - in particolare delle generazioni più giovani - sia per contrastare ulteriori costi sanitari a carico dello stato italiano.

Gioco d’azzardo
Riconosciamo l’importanza della lotta al gioco d’azzardo in termini di contenimento del “gioco d’azzardo patologico” che arreca danni economici, di salute e relazionali al giocatore e di potenziale canale di riciclaggio di denaro derivante da attività illegali e usuraie. Oltre all’ottemperanza alla normativa vigente e agli obblighi rafforzati di adeguata verifica per taluni soggetti, poniamo dunque particolare attenzione al settore.